logo FADIS, Federazione Associazioni dei Docenti per l'Integrazione Scolastica    
[iscriviti a FADISnet]
Il notiziario telematico gratuito dei docenti di sostegno specializzati

    informazioni, archivi

Nuovo Statuto della FADIS

Approvato all’unanimità dall’Assemblea dei Delegati straordinaria riunitasi domenica 22 settembre 2002 a Borgo Panigale (Bologna) nei locali situati in via Nani, 4.
Allegato A
F.A.D.I.S.
Federazione Associazioni di Docenti per l'Integrazione Scolastica


S T A T U T O

Art. 1 COSTITUZIONE

E' costituita una Federazione nazionale di Associazioni prevalentemente composte da insegnanti specializzati per la funzione docente di sostegno sotto la denominazione: F.A.D.I.S.: Federazione Associazioni di Docenti per l'Integrazione Scolastica.
La Federazione ha sede in Sassuolo (Mo) in via Felice Cavallotti n.c. 15.
Per motivi di opportunità' o necessita', la sede può' essere trasferita altrove mediante delibera dell'Assemblea dei Delegati.
La durata della federazione è a tempo indeterminato.
La Federazione ha carattere volontario, non ha scopo di lucro ed opera in piena autonomia ed indipendenza culturale, sindacale e politica.

Art. 2 SCOPI E FINALITA'
La Federazione, ispirandosi ai principi della solidarietà, dell'impegno civile e della partecipazione democratica, si prefigge di contribuire a migliorare la qualità dell'integrazione scolastica e sociale degli alunni che si trovano in situazioni di handicap e di svantaggio:
a) promuovendo la collaborazione fra tutte le Associazioni impegnate nelle politiche dell'integrazione scolastica e sociale;
b) promuovendo la professionalità docente attraverso attività di aggiornamento e formazione (conferenze, convegni, seminari di studio, corsi di aggiornamento, esperienze laboratoriali, ecc.);
c) Informando e sensibilizzando cittadini ed istituzioni riguardo ad un positivo rapporto con le persone in difficoltà, che abbia come presupposti la cooperazione, la solidarietà e l'integrazione sociale;
d) attivando iniziative di ricerca e di analisi sui problemi dell'handicap e del disagio sociale, promuovendo progetti a livello locale e/o nazionale utilizzando anche la collaborazione di enti ed associazioni di volontariato;
e) stipulando convenzioni con enti e istituzioni nell'ambito delle finalità della federazione;
f) tutelando il valore del ruolo degli insegnanti specializzati per la funzione docente di sostegno quali esperti nelle problematiche educative e didattiche nei processi di integrazione scolastica;
g) sollecitando gli organi istituzionali preposti a legiferare in riferimento alle problematiche dell'handicap e alla definizione della figura, della funzione, e del reclutamento dell'insegnante specializzato per le attività di sostegno;
h) rappresentando le associazioni aderenti in sede istituzionale nazionale;
i) promuovendo lo sviluppo e l’utilizzo delle nuove tecnologie e dell’I.C.T. (Internet Communication Tecnology).

Art. 3 - LA FEDERAZIONE
La Federazione (F.A.D.I.S.) è un'associazione di 2° grado tra Associazioni professionali, culturali e di volontariato, di 1° e 2° grado di dimensione locale e/o nazionale.
Le singole Associazioni mantengono la propria autonomia e la propria struttura organizzativa e funzionano sulla base di un proprio statuto.

Art. 4 - SOCI DELLA FEDERAZIONE
Sono soci della Federazione le singole Associazioni iscritte alla stessa ed in regola con il versamento della quota associativa annuale.

Art. 5 - NUOVE ADESIONI
Le Associazioni che chiedono di aderire alla Federazione hanno diritto di rappresentanza e, quindi, di voto in Assemblea , solo dopo che il Direttivo della Federazione ha approvato la loro richiesta di adesione.

Art. 6 - RISORSE ECONOMICHE
Il patrimonio sociale è costituito da:
- quote annuali versate dalle singole associazioni;
- contributi volontari delle associazioni;
- contributi privati;
- contributi dello Stato, di enti e di Istituzioni pubbliche o private;
- donazioni e lasciti testamentari;
- rimborsi derivanti da convenzioni;
- proventi da iniziative della Federazione;
- materiali mobili ed immobili di proprietà della Federazione.
Ogni anno l’Assemblea dei Delegati stabilisce l’entità della quota federale da versare per ogni singola Associazione. Tale quota è valida per tutto il territorio nazionale.
La Federazione non è responsabile dei debiti contratti dalle singole associazioni.

Art. 7 - DIRITTI DEI SOCI
Le singole Associazioni hanno diritto a partecipare alle attività , alle riunioni ed alle manifestazioni organizzate dalla Federazione.
Le singole Associazioni hanno diritto all’informazione sulle attività federali.

Art. 8 - OBBLIGHI MORALI
Ogni Associazione aderente alla Federazione (F.A.D.I.S.) si impegna a rispettare lo Statuto della Federazione stessa, a collaborare con le sue attività, conformandosi alle decisioni dei suoi organi gestionali.

Art. 9 - OBBLIGHI ASSOCIATIVI
a) Le Associazioni sono tenute al pagamento annuale della quota federale stabilita dall'Assemblea dei Delegati, in ragione del numero degli iscritti a ciascuna di esse.
b) Il mancato versamento, da parte delle Associazioni, della quota federale annuale, entro i termini stabiliti dal Consiglio Direttivo comporta la decadenza automatica dell'iscrizione alla Federazione.

Art. 10 - ORGANI DELLA FEDERAZIONE

Organi della Federazione sono :
(a) L'Assemblea dei Delegati delle Associazioni aderenti;
(b) Il Consiglio Direttivo;
(c) Il Collegio dei Revisori dei Conti ;
(d) Il Collegio dei Probiviri;
(e) Il Presidente.

Art. 11 - ASSEMBLEA DEI DELEGATI DELLE ASSOCIAZIONI ADERENTI
L'Assemblea della Federazione è costituita dai delegati delle Associazioni che sono in regola con il pagamento delle quote federali annuali.
Ciascuna Associazione ha diritto ad un delegato in Assemblea per un primo gruppo di 30 (trenta) iscritti o frazione .
Per ogni ulteriore gruppo di 30 iscritti, oltre i trenta iniziali, ciascuna Associazione ha diritto all'assegnazione di un altro delegato, fino ad un massimo di dieci. L'Assemblea si riunisce su convocazione del Presidente o, in sua vece, del Consiglio Direttivo, in via ordinaria, una volta all'anno e, in via straordinaria, ogni qualvolta il Presidente, o il Consiglio Direttivo, lo ritengano necessario.
Compiti dell'Assemblea sono:
a) eleggere il Consiglio Direttivo;
b) approvare il bilancio preventivo ed il consuntivo;
c) approvare il programma d'indirizzo e le attività annuali;
d) nominare i Revisori dei conti ed i Probiviri e quant'altro stabilito nel presente statuto.
L'Assemblea viene convocata, in via ordinaria, entro il 31 marzo di ogni anno mediante comunicazione scritta, per via telematica , per posta ordinaria o via fax, almeno venti giorni prima della data di svolgimento della stessa.
In caso di urgenza i tempi di preavviso si riducono ad una settimana, con comunicazione telegrafica.
L'Assemblea delibera validamente se:
a) in prima convocazione viene raggiunto il numero legale determinato dalla metà più uno degli aventi diritto;
b) in seconda convocazione, purché sia presente almeno 1/3 (un terzo) degli aventi diritto.
Tra la prima e la seconda convocazione deve intercorrere un tempo di almeno 48 ore.
Ogni singola Associazione indica i propri delegati componenti dell'Assemblea della Federazione.
Un delegato può esprimere, oltre al proprio voto, un solo altro voto su delega, in sostituzione di un delegato assente.

Art.12 - LIBRO DEI SOCI
Ogni Associazione ha l'obbligo di inoltrare, entro il 31 Dicembre di ogni anno, copia del proprio libro soci aggiornato, pena la perdita temporanea del diritto di voto, al fine di permettere al Consiglio Direttivo di determinare il numero dei delegati all'Assemblea spettanti a ciascuna Associazione.
Il complesso dei libri soci delle Associazioni costituisce il libro soci della Federazione.

Art. 13 - CONSIGLIO DIRETTIVO
Il Consiglio Direttivo è composto da 9 membri ed e' eletto dall'Assemblea dei Delegati. I membri restano in carica fino alla successiva assemblea ordinaria. Ogni Associazione può presentare proprie candidature alla carica di consigliere fino ad un massimo di 4 (quattro) contribuendo a costituire la rosa dei candidati. Nelle votazioni risultano eletti i candidati che abbiano ottenuto i maggiori suffragi. Per questo tipo di votazione ogni delegato può esprimere fino a un massimo di 3 (tre) preferenze.
Nel caso di dimissioni o di cessazione dall'incarico di qualche membro del Direttivo , il Consiglio provvederà alla sua sostituzione rispettando le preferenze espresse in sede di votazione di Assemblea. I membri del Consiglio Direttivo potranno essere rieletti. Il Consiglio Direttivo si riunisce in seduta ordinaria almeno due volte all'anno. La convocazione è fatta dal Presidente con le modalità indicate per l'Assemblea dei Delegati. La seduta del Consiglio Direttivo e' valida se e' presente il numero legale, costituito dalla meta' più uno dei membri. Le delibere sono valide se votate dalla maggioranza dei presenti. Compiti del Direttivo sono:
a) deliberare sulle nuove richieste di adesione alla Federazione;
b) perseguire gli scopi e le finalità della Federazione secondo l'indirizzo stabilito dall'Assemblea dei Delegati;
c) nominare al proprio interno il Presidente, il vicepresidente, un segretario, un tesoriere che collaborano con il Presidente per la gestione della Federazione.

Art. 14 - COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI
I Revisori dei Conti sono tre e vengono scelti mediante votazione dai delegati all'Assemblea; i Revisori non possono essere componenti del Direttivo. Ciascuna associazione può presentare una candidatura alla carica di Revisore dei conti contribuendo a costituire la rosa dei candidati. Nella votazione risultano eletti i candidati che abbiano ottenuto i maggiori suffragi, senza bisogno di particolari maggioranze. Per questo tipo di votazione ogni delegato può esprimere 1 (una) preferenza. Il Collegio, così formato, provvede al controllo della gestione contabile, redige una relazione consuntiva annuale ed accerta la regolare tenuta dei libri contabili e del libro soci. I Revisori dei Conti rimangono in carica un anno e possono essere riconfermati.

Art. 15 - I PROBIVIRI
I Probiviri sono tre e vengono scelti mediante votazione dai Delegati dell'Assemblea con le stesse modalità per l'elezione dei Revisori dei conti.

Art. 16 - PRESIDENTE
Il Presidente, eletto dal Consiglio Direttivo, dura in carica fino alla successiva Assemblea convocata in via ordinaria e potrà essere rieletto. Ha la rappresentanza legale della Federazione di fronte a terzi ed in giudizio, per tutte le operazioni occorrenti al funzionamento della Federazione, secondo le norme statutarie. Il Presidente presiede le riunioni del Direttivo e dell'Assemblea dei Delegati.
In caso di sua assenza, o impedimento, viene sostituito dal vicepresidente.

Art. 17 - PUBBLICIZZAZIONE DEGLI ATTI
La Federazione provvede alla pubblicizzazione dei propri atti tramite gli organi di informazione e internet .

Art. 18 - ESERCIZIO FINANZIARIO
L'anno sociale e l'esercizio finanziario coincidono con l'anno solare.

Art. 19 - REGOLAMENTO
I rapporti tra le Associazioni aderenti e la FADIS sono disciplinati da un regolamento interno deliberato dall’assemblea dei delegati che può modificarlo annualmente.

Art. 20 - MODIFICA DELLO STATUTO
Lo Statuto può essere modificato da una maggioranza qualificata costituita da almeno i due terzi dei delegati delle Associazioni rappresentate in un'Assemblea straordinaria appositamente convocata.

Art. 21 - LIQUIDAZIONE DELLA FEDERAZIONE
La Federazione può estinguersi perché è divenuto impossibile il raggiungimento dei fini sociali o per decisione della maggioranza qualificata costituita da almeno i due terzi dei delegati. In tal caso si procede alla liquidazione del patrimonio sociale che dovrà essere ridistribuito tra le Associazioni in maniera proporzionale al numero degli iscritti.

Art. 22 - RINVIO
Per quanto non previsto dal presente Statuto si applicano le norme del Codice Civile e le leggi vigenti in materia.

Approvato all’unanimità dall’Assemblea dei Delegati straordinaria riunitasi domenica 22 settembre 2002 a Borgo Panigale (Bologna) nei locali situati in via Nani, 4.
FADIS: Coniugare la ricerca della qualità e della professionalità con la cultura della solidarietà