logo FADIS, Federazione Associazioni dei Docenti per l'Integrazione Scolastica    
[iscriviti a FADISnet]
Il notiziario telematico gratuito dei docenti di sostegno specializzati

    informazioni, archivi

ISTAT L’integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di I grado, statali e non statali

Sono stati forniti dall'ISTAT i dati relativi all'integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di I grado, statali e non statali relativi agli anni scolastici 2008/2009 e 2009/2010.


[file download]
nome  
testointegrale20110119.pdf
formato  
PDF
dimensione  
112Kb
null[inizia lo scaricamento del file]


Comunicato stampa
ISTAT Statistiche in breve
Periodo di riferimento: anni scolastici 2008/2009 e 2009/2010
Diffuso il: 19 gennaio 2011

L’integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di I grado, statali e non statali


L'Istat diffonde i primi risultati dell'Indagine sugli alunni con disabilià nelle scuole primarie e secondarie di I grado, statali e non statali.

L'indagine si pone l'obiettivo di rilevare le risorse, le attività e gli strumenti di cui si sono dotati i singoli plessi scolastici per favorire l'inserimento scolastico degli alunni con disabilità negli anni scolastici 2008/2009 e 2009/2010 rispettivamente.

L'indagine si è svolta tra il 20 aprile e il 22 maggio del 2009 e tra il 26 aprile e il 30 maggio del 2010. Il tasso di risposta per l'indagine relativa all'anno scolastico 2008/2009 è stato del 77%, con 20.426 scuole che hanno compilato il questionario. Il tasso di risposta per l'indagine dell'anno successivo è stato dell'89%, con 23.451 scuole che hanno partecipato all'indagine.

Nella scuola dell'obbligo, negli ultimi 20 anni, si è assistito a una crescita progressiva dellapresenza di alunni con disabilità. Nell'anno scolastico 2009/2010 sono poco più di 130 mila; di questi, circa 73 mila sono studenti della scuola primaria e circa 59 mila della scuola secondaria di I grado.

Fonte: ISTAT
FADIS: Coniugare la ricerca della qualità e della professionalità con la cultura della solidarietà