logo FADIS, Federazione Associazioni dei Docenti per l'Integrazione Scolastica    
[iscriviti a FADISnet]
Il notiziario telematico gratuito dei docenti di sostegno specializzati

    informazioni, archivi

A Mario Tortello pioniere dell’integrazione. Unità didattica il giornale un’esperienza di buone prassi

Pubblichiamo un'esperienza di buone prassi realizzata tenendo conto delle indicazioni fornite da Mario Tortello in numerosi suoi interventi in favore dell'integrazione scolastica. L'unità didattica, descritta in questo articolo dall'insegnante specializzata Luisa Pierro, ha visto coinvolto una classe quinta di scuola primaria frequentata da un alunno con disabilità. Ringraziamo il Comitato Integrazione Scolastica e la Rivista Handicap & Scuola di Torino che ne hanno reso possibile la pubblicazione.


[file download]
nome  
per mario.pdf
formato  
PDF
dimensione  
334Kb
Buone prassi: unità didattica il giornale[inizia lo scaricamento del file]

A Mario Tortello
Pioniere dell’integrazione


Unità didattica il giornale un’esperienza di buone prassi

12 GIUGNO 2011 - PER MARIO TORTELLO

Quest’anno ricorre il decennale della prematura scomparsa del nostro fondatore Mario Tortello. Non ho avuto la fortuna di conoscere personalmente Mario, ricordo di averlo incontrato nelle aule dell’università durante gli esami di Pedagogia Speciale, un professore molto tranquillo, interrogava gli studenti mettendoli a proprio agio (anche questa fortuna di essere interrogata da lui me la sono persa!). Ma chi era Mario Tortello? Ho conosciuto Mario dai racconti dei nostri amici del Comitato per l’Integrazione Scolastica. Marisa Faloppa che insieme a lui ha fondato la nostra associazione e che con lui ha condiviso il cammino verso la promozione dell’integrazione, lo ricorda sempre come una persona di grande sensibilità e umanità, gentile, capace di far sentire gli altri importanti; un giornalista ed un pedagogista che ha dedicato con grande professionalità l’impegno per l’integrazione degli allievi in situazione di handicap nella scuola e nella società, attento, rigoroso, dotato di una grande capacità nel cogliere gli aspetti positivi ma anche quelli negativi nelle norme. Fu proprio Mario che trovò nelle bozze della L.104/92, all’art. 12 comma 2 nell’espressione “il diritto all’integrazione deve avvenire nella scuola pubblica” il rischio che si potessero formare delle classi speciali all’interno delle istituzioni scolastiche; così grazie al suo contributo e di altri volontari delle associazioni che in quel periodo si incontravano con i parlamentari torinesi e gli amministratori per discutere insieme le bozze della legge, quel pezzo venne cambiato con quello attuale “il diritto all’integrazione deve avvenire nelle sezioni e classi comuni”. Un altro aspetto negativo lo trovò nell’ Ordinanza Ministeriale n. 90 del 2001 la quale prevede che gli allievi disabili possono essere ammessi agli esami di licenza media al solo fine del rilascio di un attestato di credito formativo, questo preoccupò molto Mario che dichiarò quest’ordinanza gravemente discriminatoria nei confronti degli allievi con disabilità perché si nega ai ragazzi in situazione di handicap il diritto ad un diploma regolare con conseguenze negative, come non poter essere iscritti nelle liste di collocamento per ottenere un lavoro e di accedere alle scuole di grado successivo con procedure molto discriminanti rispetto ai compagni. Senza ombra di dubbio oggi avrebbe commentato con critiche e ulteriori suggerimenti il rapporto delle associazioni TRELLE Caritas e della fondazione Agnelli, che tra varie proposte prevede anche l’eliminazione del docente di sostegno. Marisa ricorda anche la grande capacità di Mario nel lavorare in rete, Mario era impegnato al giornale, all’università, poi collaborava in modo volontario con le associazioni, con la nostra per la difesa del diritto all’integrazione dei bambini con disabilità, con l’Anfaa per la tutela dei minori dati in affido o adottati. Mario aveva eccellenti doti e capacità per fare carriera, ottenere meriti, soprattutto in ambito universitario ed editoriale, ma lui era una persona altruista non pensava solo a se stesso, viveva preoccupandosi degli altri che stavano peggio di lui, in particolare dei bambini in difficoltà. Insomma era una persona meravigliosa e preziosa; una rarità al giorno d’oggi incontrare persone così straordinarie!

Piero Rollero cofondatore insieme a Mario Tortello del Comitato e della rivista Handicap & Scuola spesso raccontava l’impegno condiviso con Mario nella difesa dei diritti dei disabili, le loro battaglie e la tenacia di Mario nel risolvere le situazioni più difficili. Augusta e Riziero Zucchi lo ricordano invece per l’ascolto che Mario dedicava alle famiglie valorizzandone il ruolo educativo, quella che egli definì La Pedagogia dei genitori. Ho conosciuto Mario Tortello anche attraverso i suoi scritti (ricordo brevemente il testamento spirituale da lui lasciato: partecipare per apprendere, pensami adulto, pedagogia dei genitori e riprendiamoci la pedagogia), dagli atti dei convegni a lui dedicati pubblicati sulla sua rivista Handicap & Scuola e su volumi riguardanti l’integrazione scolastica, da numerosi articoli che narrano di lui in particolare quel toccante articolo scritto da Guido Tiberga su La Stampa in giorno dopo la sua morte che scrive: “Mario Tortello era un giornalista che sapeva parlare ai bambini … il suo rispetto per i minori era assoluto senza concessioni nemmeno per il più clamoroso degli scoop ”.

Ecco chi era Mario Tortello, quel professore che incontravo all’università, che mi avrebbe insegnato pedagogia e didattica speciale e sarebbe stato il mio relatore di tesi, non era solo uno dei tanti docenti universitari, era ben di più, era un uomo di grande impegno sociale che ci ha lasciato preziose indicazioni e ci ha costruito la strada per l’integrazione, che ogni giorno continuo a percorrere sia in ambito lavorativo come insegnante di sostegno sia in ambito volontario presso il Comitato per l’Integrazione Scolastica. Mario è diventato la mia guida spirituale. In questi tempi così colmi di incertezze e attacchi verso l’inclusione nella scuola pubblica, di ingiustizie, di violazioni di diritti di Mario ne avremmo sicuramente bisogno.

Quest’anno ci saranno diverse occasioni per ricordare Mario in particolare il convegno all’Università di Torino organizzato dalla moglie Prof.ssa Marisa Pavone con la nostra collaborazione e con l’adesione dell’Anfaa.
Il pezzo allegato è un inizio di ciò che possiamo chiamare buone prassi, perché la vera integrazione come quella che definiva Mario non l’ho ancora incontrata totalmente. Ma come diceva lui guardiamo il bicchiere mezzo pieno e speriamo sempre in un futuro migliore. Quest’esperienza la dedico a Mario perché ci sono molti elementi che mi ricordano lui; si parla di G. un alunno disabile e adottato, di integrazione nel gruppo classe, del giornale in particolare proprio del quotidiano La Stampa dove Mario ha dedicato la sua incessante attività con eccellente professionalità e che non ha mai abbandonato pur essendo oltre che giornalista un grande pedagogista dell’educazione e dell’integrazione scolastica.

Luisa Pierro
Insegnante specializzata
Comitato Integrazione Scolastica - Rivista Handicap & Scuola - Torino

Approfondimenti on line


CONVEGNO IN RICORDO DI MARIO TORTELLO. Le radici e le antenne. Torino: premesse e avanguardie di inclusione scolastica e sociale delle persone con disabilità
30 settembre 2011. Aula Magna del Rettorato. Torino
FADIS: Coniugare la ricerca della qualità e della professionalità con la cultura della solidarietà