logo FADIS, Federazione Associazioni dei Docenti per l'Integrazione Scolastica    
[iscriviti a FADISnet]
Il notiziario telematico gratuito dei docenti di sostegno specializzati

    informazioni, archivi

Osservatorio Permanente per l’Integrazione scolastica: certificazioni alunni in situazione di handicap

Si è tenuta martedì 11 marzo al Ministero dell’Istruzione presso la sala del CNPI la riunione dell’ Osservatorio Permanente per l’Integrazione scolastica. Alla riunione è intervenuta la Sottosegreteria di Stato On. Valentina Aprea. I responsabili del Ministero hanno consegnato e illustrato ai rappresentanti della Consulta delle Associazioni la bozza del decreto inerente le nuove modalità di accertamento degli alunni in situazione di handicap. Il decreto, che dovrà essere siglato dal Presidente del Consiglio, è stato previsto dalla legge 27 dicembre 2002, n.289, legge finanziaria 2003, ed in particolare dall’articolo 35, comma 7 e dall’art. 94. Si interverrà, in maniera graduale, su una materia alquanto delicata e molto controversa, che riguarda l’individuazione e le modalità di certificazione degli alunni in situazione di handicap e l’attivazione delle conseguenti forme di sostegno all’integrazione scolastica previste dalla legge 104/92, legge quadro per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate. La norma è ancora in fase di studio e dovrà essere sottoposta al vaglio delle istituzioni competenti ed in particolare dei responsabili del Ministero della Salute. Durante l’incontro non sono mancati da parte dell’On. Aprea riferimenti alle problematiche dei docenti di sostegno specializzati mentre da parte dei rappresentati delle associazioni sono pervenute diverse indicazioni a possibili migliorie del decreto relativo alle certificazioni degli alunni in situazione di handicap. Durante il corso della riunione è stato anche illustrato il documento di presentazione della FADIS che riportiamo integralmente nel nostro sito.
Al Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Letizia Moratti

E p.c.
Al Sottosegretario di Stato
On. Valentina Aprea
Al Coordinatore dell’Osservatorio Permanente per l’Integrazione Scolastica
Dott. Silvio Criscuoli

Riunione Osservatorio Permanente per l’Integrazione scolastica – 11 marzo 2003

La FADIS - Federazione Associazioni di Docenti per l'Integrazione Scolastica - si è costituita nel gennaio del 1998 a Bologna. Alla federazione aderiscono le associazioni di docenti di sostegno specializzati che riconoscono come loro comune obiettivo la promozione della qualità dell'integrazione scolastica e sociale degli alunni in situazione di handicap e di svantaggio nelle sezioni e nelle classi comuni delle scuole di ogni ordine e grado. Fin dalla sua costituzione la federazione ha sempre sostenuto la centralità della ricerca della qualità dell’integrazione scolastica nei processi di riforma in atto nella scuola italiana. Per la FADIS è fondamentale riqualificare il ruolo e la professionalità dei docenti di sostegno specializzati attraverso l’istituzione di una specifica classe di concorso.


Organici di sostegno e formazione classi
Siamo a conoscenza da diversi anni della situazione di riduzione delle ore assegnate al personale docente specializzato che si occupa delle attività di sostegno all'integrazione scolastica degli alunni in situazione di handicap nelle scuole di ogni ordine e grado.
Le denunce da tempo presenti su diversi organi di informazione rispecchiano una realtà non certo confortante per la ricerca della qualità dell'integrazione scolastica. Apprezziamo il fatto che non solo i docenti di sostegno lamentino questa situazione, ma anche i genitori che sono, insieme ai loro figli, i diretti interessati.
In particolare come FADIS sosteniamo che per la determinazione degli organici di sostegno, legata alle leggi finanziarie dello Stato, siano destinate quelle risorse necessarie che consentano la definitiva cancellazioni del rapporto 1:138 a favore dell'introduzione del rapporto 1:2 un insegnante di sostegno ogni due alunni in situazione di handicap. Questo nuovo parametro ridurrebbe l'eccessivo ricorso alle deroghe che in questi anni è stato fatto in maniera caotica e non omogenea su tutto il territorio nazionale.
Un altro parametro importante per il raggiungimento e il mantenimento della qualità dell’integrazione scolastica è strettamente legato al numero di alunni per classe, in presenza di allievi in situazione di handicap. In particolare rileviamo che il DM 141/99, pur tutelando in certi casi la possibilità di formare esclusivamente le classi iniziali con la presenza di più di un alunno in situazione di handicap entro il limite di venti alunni, di fatto resta vincolato al contenimento dell’organico assegnato alle scuole dalle direzioni scolastiche regionali. Pertanto si ribadisce la necessità di formare classi con non più di 20 alunni se presente una persona in situazione di handicap grave o più di una persona in situazione di handicap.

Osservatorio Permanente per l'Integrazione Scolastica
La FADIS pur riconoscendo l’importanza dell'Osservatorio Permanente per l'Integrazione Scolastica degli alunni in situazione di handicap ricostituitosi ai sensi del D.M. 26/04/02 esprime la propria perplessità in merito al ruolo indefinito e incerto che questo organismo sta svolgendo. In particolare si rileva che come membro dell’Osservatorio, la FADIS non riceva ufficialmente dal MIUR documenti e materiali informativi inerenti le tematiche dell’integrazione scolastica. Inoltre richiede formalmente al Ministro dell’Istruzione l’assegnazione di fondi specifici per la gestione organizzativa delle attività dell’Osservatorio da destinare anche alle associazioni presenti nella Consulta delle Associazioni per sostenere la loro partecipazione alle riunioni di questo organismo.

Finanziamenti per l’integrazione scolastica

La federazione rileva come la Dirigente Regionale dell’Emilia Romagna Lucrezia Stellaci abbia recentemente diramato una nota che conferma i finanziamenti già stanziati in favore dell’integrazione scolastica per il presente anno scolastico e sui i quali si erano temute riduzioni. Si richiede che sia sollecitato dal Ministro dell’Istruzione un analogo provvedimento da parte di tutte le Direzioni Scolastiche Regionali affinché tali somme risultino confermate e messe tempestivamente a disposizione delle istituzioni scolastiche e degli altri organismi interessati che ne facciano richiesta.

Formazione
La FADIS è stata inserita nell'elenco definito delle associazioni professionali e delle associazioni disciplinari collegate a comunità scientifiche quali soggetti qualificati per attività di formazione riconosciute dal MIUR ai sensi del D.M.177/2000.
La federazione si è impegnata per la difesa della professionalità per l'attività di sostegno promuovendo diverse iniziative legate alla formazione del personale scolastico.
In particolare segnaliamo il convegno nazionale tenutosi nel marzo del 2002 ad Ancona dal titolo "Disabilità: dall'integrazione scolastica all'inserimento lavorativo", promosso dalla FADIS in collaborazione con l'ARISM – Marche. Altre attività formative di particolare interesse tenutesi nel corso del precedente anno scolastico sono state realizzate in collaborazione con INDIRE di Firenze nel progetto di e-learning PUNTOEDU , ANFASS di Sassuolo (Mo), Il Girotondo Nido d'Infanzia Sassuolo (Mo), Associazione Dimensione Volontario ONLUS Roseto degli Abruzzi (TE) e con l'ITIS "O. Belluzzi" di Bologna per la realizzazione della conferenza del Prof. Antoine de La Garanderie (filosofo-pedagogista ideatore della teoria della gestione mentale).
Dal mese di marzo la FADIS parteciperà con un proprio forum alle attività di e-learning previste da INDIRE nel portale PUNTOEDU inerenti il piano nazionale di aggiornamento del personale scolastico sulle TIC.

Internet: una risorsa per l'integrazione scolastica e sociale delle persone in situazione di handicap.

Da sempre la FADIS ha prestato grande attenzione all'utilizzo delle nuove tecnologie ed in particolare di internet come strumento per la diffusione delle informazioni e come risorsa per la documentazione di materiali e norme rivolte a migliorare la qualità dell'integrazione scolastica e sociale delle persone in situazione di handicap. La federazione gestisce un proprio sito consultabile al seguente indirizzo: http://www.integrazionescolastica.it
Dal sito della federazione è possibile iscriversi gratuitamente al notiziario telematico dei docenti di sostegno specializzati FADISnet. Il notiziario è stato fondato nel 2000, conta oltre 1000 iscritti ed è curato dal presidente della FADIS Nicola Quirico.
FADISnet ed è rivolto a tutti coloro che si occupano di integrazione scolastica e sociale. Obiettivo del notiziario è rendere accessibile al maggior numero di soggetti informazioni selezionate e costantemente aggiornate sulle seguenti tematiche: normativa scolastica e attività parlamentare, interventi di docenti di sostegno specializzati, segnalazioni di risorse in rete per l'integrazione scolastica e sociale, presentazione di materiali sull'handicap e le nuove tecnologie, iniziative per la formazione dei docenti di sostegno, di articoli pubblicati sulla stampa locale e nazionale, segnalazioni di siti.

Il Presidente nazionale
Nicola Quirico

Per chi vuole approfondire online:

Articolo pubblicato da Famiglia Cristiana n. 7 del 16/02/2003 “Sostegno in classe l’unione fa la forza” a cura di Simonetta Pagnotti

FADIS: Legge finanziaria 2003 e docenti di sostegno

FADIS: Legge finanziaria 2003 e persone Down
FADIS: Coniugare la ricerca della qualità e della professionalità con la cultura della solidarietà