logo FADIS, Federazione Associazioni dei Docenti per l'Integrazione Scolastica    
[iscriviti a FADISnet]
Il notiziario telematico gratuito dei docenti di sostegno specializzati

    informazioni, archivi

Quali esigenze, quali risorse, per l’integrazione della persona sorda in Emilia-Romagna

La Fondazione Gualandi a favore dei sordi di Bologna col Patrocinio dell’Università degli studi di Bologna e della Regione Emilia-Romagna propone un ciclo di tre seminari con l’obiettivo di sensibilizzare e promuovere conoscenze e competenze che consentano di mettere in evidenza le risorse e le esigenze nell’area dell’integrazione comunicativa. Il ciclo di seminari la cui partecipazione è gratuita è indirizzato a insegnanti, educatori, operatori, genitori, sordi e udenti. Presentiamo il programma del primo incontro dal titolo “Percorsi per comunicare” che si terrà a Bologna venerdì 19 settembre dalle 14:30 alle 19:00 in via Nosadella 51/b.
Fondazione Gualandi a favore dei sordi
col Patrocinio dell’Università degli studi di Bologna e
della Regione Emilia-Romagna

Ciclo di tre seminari sul tema:
"Quali esigenze, quali risorse, per l’integrazione della persona sorda in Emilia-Romagna"

- 19 settembre - Percorsi per comunicare

- 24 ottobre - Una scuola a misura di tutti

- 21 novembre - L’integrazione nell’ambito del lavoro


Percorsi per comunicare - 19 Settembre 2003 -

La comunicazione è oggi più che mai al centro dell’interesse e degli obiettivi degli individui e delle società, con tutte le nuove modalità possibili.
Ci è sembrato interessante proporre nel primo seminario una attenta riflessione a più voci su alcuni percorsi necessari per raggiungere e migliorare l’integrazione comunicativa.
La problematica centrale non è solo nelle modalità di comunicazione che si adottano, ma nella scelta dei processi e degli ambienti di supporto che facilitano l’incontro, lo scambio, il confronto fra tutti.
Uno dei momenti critici è sicuramente quello in cui si affronta la prima comunicazione ai familiari dopo l’accertamento del deficit mentre, successivamente, è essenziale la collaborazione tra gli attori che promuovono l’integrazione sociale della persona sorda: famiglia, sistema educativo e riabilitativo.
Oltre alle indicazioni dei relatori, alcuni testimoni forniranno spunti e informazioni su cui i partecipanti potranno confrontare la loro esperienza.

Programma

Saluto della Fondazione Gualandi
Gilberto Gualandi, Presidente della Fondazione Gualandi a favore dei sordi

Presentazione e significato del ciclo di seminari
Gianluca Borghi, Assessore alle Politiche Sociali, Immigrazione, Progetto giovani, Cooperazione internazionale della Regione Emilia-Romagna

Non c’è peggior sordo che …
Andrea Canevaro, Università degli Studi di Bologna

Comunicazione ed integrazione: quali attori.
Irene Menegoi Buzzi,Università Statale di Milano “La Bicocca”

Quale logopedia oggi per gli audiolesi.
Giuliana Guidicini, Logopedagogista – Antoniano Insieme

La comunicazione facilitata in lingua italiana
Emanuela Piemontese, Università La Sapienza di Roma

Testimonianze:

Prima comunicazione e handicap
Elisabetta Frejaville,Assessorato Sanità della Regione Emilia-Romagna Servizio Salute Mentale

Centro di Documentazione Regionale sulla sordità
Luisa Zaghi, C.D.I.L.A.

Due storie di comunicazione su percorsi differenti
Barbara Calzolari – Alessandra Fantini

Strumenti riabilitativi tecnologici: SpeechViewer
Mariagrazia Mazzocco, Azienda USL Bologna Sud

Informazioni e iscrizioni:

• Ogni seminario si tiene al venerdì – dalle 14.30 alle 19 - in Via Nosadella 51/b a Bologna

• Il programma prevede alcuni interventi di persone autorevoli per scienza ed esperienza sul tema, seguiti da una serie di testimonianze e buone pratiche di rilevanza particolare

• Sarà predisposta la traduzione in LIS e la sottotitolatura simultanea degli interventi

• E’ previsto l’esonero da obblighi scolastici

• La partecipazione ai seminari è gratuita.

• Il modulo per l’iscrizione è scaricabile dal sito www.fondazionegualandi.it


FADIS: Coniugare la ricerca della qualità e della professionalità con la cultura della solidarietà