logo FADIS, Federazione Associazioni dei Docenti per l'Integrazione Scolastica    
[iscriviti a FADISnet]
Il notiziario telematico gratuito dei docenti di sostegno specializzati

    informazioni, archivi

Osservatorio permanente: le nuove tecnologie per la qualità dell'integrazione

Sintesi della riunione dell’Osservatorio Permanente per l’integrazione scolastica delle persone in situazione di handicap tenutosi a Roma presso il MIUR il 4/05/2004. L’incontro è stato presieduto dalla Sottosegretario di Stato On. Valentina Aprea. Erano presenti i Direttori Generali del MIUR Silvio Criscuoli e Mariolina Maioli , diversi dirigenti, esperti convocati per l’occasione ed i rappresentanti della consulta delle associazioni. A Mariolina Maioli, responsabile della Direzione Generale per lo Status dello Studente, per le politiche giovanili e per le attività motorie, è stata assegnata la competenza in materia di integrazione scolastica.
Durante la prima parte dell’incontro Pierluigi Ridolfi, consulente del Ministro l’Innovazione e le Tecnologie Luigi Stanca, ha illustrato ai presenti le nuove prospettive per l’integrazione scolastica degli alunni in situazioni di handicap che si apriranno con l’attuazione della legge 4/2004. Infatti la legge 4/04 prevede che le disposizioni per favorire l’accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici si applicheranno anche al materiale formativo e didattico utilizzato nelle scuole di ogni ordine e grado. Inoltre le convenzioni tra il MIUR e le case editrici per la fornitura di libri alle biblioteche scolastiche dovranno prevedere la fornitura di copie su supporti digitali accessibili ai disabili e agli insegnanti di sostegno specializzati. Durante l’intervento sono state presentate anche le più recenti produzioni di software e le relative potenzialità di sviluppo degli apprendimenti che possono avere per gli alunni che presentano minorazioni fisiche e sensoriali.
Più complessa, appare secondo il rappresentante dell’Associazione UNIDOWN di Genova, l’introduzione di questi strumenti agli alunni con difficoltà cognitive ognuna diversa dall'altra, difficilmente avvicinabili con programmi standardizzati.

Nel proseguimento della riunione si è discusso delle problematiche connesse all’individuazione di indicatori di qualità nel sistema scolastico e nella valutazione degli apprendimenti degli studenti affinché si possa mettere bene in evidenza anche la qualità dell’integrazione scolastica degli alunni in situazione di handicap nelle scuole comuni.

Il MIUR ha poi proposto alla associazioni presenti la collaborazione per la realizzazione di un seminario nazionale dedicato alla didattica per l’integrazione scolastica. L’iniziativa dovrebbe tenersi a settembre ma per il momento non è stata indicata la sede di svolgimento.

La discussione è proseguita tra i presenti con interventi delle associazioni e di esperti che hanno toccato diversi tematiche quali il coinvolgimento degli insegnanti curricolari nella realizzazione del PEI, la necessità di avviare corsi di aggiornamento per tutto il personale docente sulle tematiche dell’integrazione e sulle possibili ricadute della riforma Moratti nella creazione di percorsi personalizzati per tutti gli alunni compresi quelli in situazione di handicap.

L’On. Aprea ha poi accolto positivamente la richiesta della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’handicap) e della FAND (Federazione tra le Associazioni Nazionali dei Disabili) inerente la costituzione di gruppi di studio e di lavoro dell’Osservatorio sulle principali problematiche emerse durante la discussione e che necessitano di un più ampio e approfondito confronto.

La FADIS ha consegnato ai presenti materiale informativo sulle attività della federazione e il testo della proposta di istituzione della classe di concorso per l’insegnamento di sostegno.

Per chi vuole approfondire online:

FADIS: Legge 4/2004 "Disposizioni per favorire l'accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici"

FADIS: Costruire siti accessibili

MIT: Ministro per l'Innovazione e le Tecnologie

Publiaccesso: Una chiave di lettura della Legge Stanca

Publiaccesso: La nuova normativa in materia di accessibilità
FADIS: Coniugare la ricerca della qualità e della professionalità con la cultura della solidarietà