logo FADIS, Federazione Associazioni dei Docenti per l'Integrazione Scolastica    
[iscriviti a FADISnet]
Il notiziario telematico gratuito dei docenti di sostegno specializzati

    informazioni, archivi

MIUR D.M. n. 85 del 18 novembre 2005 "Corsi speciali abilitanti"

Emanato dal MIUR il D.M. n. 85 del 18 novembre 2005, corredato dai relativi allegati con il quale vengono impartite istruzioni per l'avvio dei corsi speciali di durata annuale, previsti dall'art. 2 commi 1-c bis e 1-ter della legge n. 143/04, ai fini del conseguimento dell'idoneità o dell'abilitazione all'insegnamento, destinati ai docenti in possesso del requisito del servizio di almeno 360 giorni prestati dal 1° settembre 1999 al 6 giugno 2004. Il Decreto è allegato alla nota prot.n. 2064 del 21 novembre 2005 che fornisce ulteriori indicazioni in merito all'attivazione dei corsi speciali abilitanti. Gli interessati dovranno far pervenire le istanze improrogabilmente entro il 22 dicembre 2005.
MIUR
Dir. Gen. per il personale della scuola
Dir. Gen per l'Università
Dir. Gen. per l'Alta formazione

Prot. n. 2064
Roma, 21 novembre 2005

Oggetto: D.M. n. 85 del 18 novembre 2005. Corsi speciali abilitanti, di cui all'art. 2, comma 1-c bis e comma 1-ter della legge n.143 del 4 giugno 2004.


Si invia, per il seguito di competenza, l'unito D.M. n. 85 del 18 novembre 2005, corredato dai relativi allegati 1, 2, 3, 4, con il quale vengono impartite istruzioni per l'avvio dei corsi speciali di durata annuale, previsti dall'art. 2 commi 1-c bis e 1-ter della legge n. 143/04, ai fini del conseguimento dell'idoneità o dell'abilitazione all'insegnamento, destinati ai docenti in possesso del requisito del servizio di almeno 360 giorni prestati dal 1° settembre 1999 al 6 giugno 2004.
Il provvedimento, per quanto riguarda le modalità di svolgimento e l'organizzazione dei corsi, ripropone, con lievi adattamenti, le disposizioni emanate con il D.M. n. 21/05. Nel decreto è data particolare evidenza alle disposizioni di tipo organizzativo, nella considerazione che le stesse concorrano ad un migliore e più tempestivo svolgimento dei corsi.

In tale ottica, anche sulla base delle pregresse esperienze, connesse all'attuazione del D.M. n. 21/05, si individua una serie di opzioni e di soluzioni alternative quali l'accorpamento dei corsi, anche con quelli non ancora attivati in applicazione del citato D.M. n. 21/05; l'organizzazione a livello interregionale, modulare e on-line; la stipula di convenzioni o di accordi-quadro tra Direttori regionali ed Università, Accademie e Conservatori per l'attivazione di percorsi abilitanti relativi ad insegnamenti specifici con un esiguo numero di partecipanti o per i quali si rendano necessarie particolari competenze didattiche e di laboratorio, non sempre presenti nelle istituzioni interessate, nonché per le iniziative di cooperazione con il sistema scolastico per i tirocini previsti dai percorsi formativi. Quanto sopra al fine di garantire la partecipazione di tutti gli aspiranti alle procedure abilitanti, che debbono iniziare e concludersi entro l'anno accademico 2005/2006.

Al provvedimento in parola non sono allegati i programmi, le indicazioni relative alla durata dei corsi e i criteri di valutazione delle prove d'esame, in quanto ancora in fase di elaborazione. Si fa riserva, pertanto, di successive, tempestive comunicazioni. Nel frattempo i Direttori scolastici regionali cureranno gli adempimenti propedeutici all'avvio dei corsi e, una volta acquisiti, tramite i rispettivi C.S.A., gli elenchi definitivi degli ammessi ai corsi medesimi, provvederanno a trasmetterli alle Università, Accademie e Conservatori competenti per territorio. In merito ai criteri generali di organizzazione dei corsi speciali si rinvia, per quanto compatibili, alle istruzioni operative, di cui alla nota prot. n. 243 del 10 febbraio 2005, diramata in occasione della precedente tornata abilitante. Inoltre, si ritiene opportuno richiamare l'attenzione delle SS.LL. sui seguenti punti:

1. L'avviso di emanazione del decreto sarà pubblicato nella G.U. IV serie speciale del 22 novembre 2005. Dalla predetta data decorrerà il termine di 30 giorni per la presentazione delle domande. Il modello di domanda (allegato 4) è disponibile sul sito INTERNET - www.istruzione.it - e sulla rete Intranet del MIUR. Gli interessati dovranno far pervenire le istanze improrogabilmente entro il 22 dicembre 2005 al C.S.A. della sede di servizio o, qualora non in servizio, a un qualunque C.S.A..

2. Con successivo provvedimento ministeriale sarà, quindi, disposto l'inserimento con riserva nelle graduatorie permanenti dell'anno scolastico 2006/2007, dei partecipanti ai corsi speciali; tale riserva sarà sciolta su tutto il territorio nazionale con un ulteriore provvedimento ministeriale, al momento della conclusione dei corsi.

3. Sono ammessi ai corsi, in conformità del parere espresso dall'Ufficio legislativo, tutti i docenti della scuola dell'infanzia e della scuola primaria in possesso, oltre ai requisiti prescritti, del diploma di istituto magistrale, a prescindere dalla data del conseguimento.

4. Sono esclusi dai corsi speciali:
- I docenti in possesso di contratto di lavoro a tempo indeterminato nella scuola statale alla scadenza dei termini di presentazione della domanda;
- i docenti tecnico-pratici, i cui corsi sono già stati attivati con il precedente D.M. n. 21/05;
- i docenti che hanno partecipato ai corsi speciali previsti dai DD.MM. n. 100/04 e n. 21/05 (art. 2, comma 1 dell'allegato decreto);
- i docenti di strumento musicale - cl. 77/A, i cui corsi sono già stati attivati con il precedente D.M. n. 100/04;
- i docenti di educazione musicale (classi 31/A e 32/A), salvo i laureati in Musicologia o in DAMS, esclusi dalla partecipazione ai corsi indetti con D.M. n. 100/04, perché sprovvisti del diploma di Conservatorio.

5. Per partecipare ai corsi speciali per il conseguimento dell'abilitazione nella scuola dell'infanzia o dell'idoneità nella scuola primaria la legge n. 143/04 esplicitamente richiede il possesso di 360 giorni di servizio, prestato indifferentemente in tutti e due gli ordini di scuola, con il prescritto titolo di studio. Per le classi di concorso della scuola secondaria, in mancanza di una specifica previsione normativa, l'allegato decreto consente che il servizio, maturato in tutti e due i gradi di scuola secondaria, possa essere completato anche nella scuola dell'infanzia e primaria.

Per ogni ulteriore informazione le SS.LL. possono contattare il personale dei seguenti uffici:

Direzione Generale per il personale della scuola Ufficio III: Dr. Giampaolo PILO, tel. 06.5849.3584, e-mail giampaolo.pilo@istruzione.it; fax 06.5849.2385; funzionario responsabile Dott. Bianca DAMIANI, tel. 06.5849.2857.

Direzione Generale per l'Università - Uff. IX: Dott. Teresa CUOMO, tel. 06. 5849.7080 - 06.5849.7061, e-mail teresa.cuomo@miur.it, fax 06.5849.7242; funzionario responsabile Dott. Guia DEJANA, tel. 06.5849.7295, e-mail michela.dejana@miur.it, fax 06.5849.7242.

Direzione per l'Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica - Uff. II: Dott. Angela RUSSO, TEL. 06.5849.7938, e-mail angela.russo@miur.it, fax 06.5849.7241; funzionario responsabile Dott. Paola Castellucci, tel. 06.5849.7794, e mail paola.castellucci@miur.it.

Nel ringraziare per la collaborazione si invitano le SS.LL. a comunicare tempestivamente eventuali difficoltà che potranno emergere dagli adempimenti preliminari della procedura in parola.

Il Direttore Generale del personale della scuola
F.TO GIUSEPPE COSENTINO

Direttore Generale per l'Università
F.TO ANTONELLO MASIA

Direttore Generale per l'AFAM
F.TO BRUNO CIVELLO

Download:

D.M. n. 85 del 18 novembre 2005. Corsi speciali abilitanti, di cui all'art. 2, comma 1-c bis e comma 1-ter della legge n.143 del 4 giugno 2004.

allegati


Fonte:

MIUR: Nota prot.n. 2064 del 21 novembre 2005 Abilitazione all'insegnamento. Istruzioni per l'attivazione dei corsi speciali abilitanti - D.M.n. 85 del 18 novembre 2005

MIUR: Corsi speciali abilitanti, informazioni e quadro normativo di riferimento.
FADIS: Coniugare la ricerca della qualità e della professionalità con la cultura della solidarietà