logo FADIS, Federazione Associazioni dei Docenti per l'Integrazione Scolastica    
[iscriviti a FADISnet]
Il notiziario telematico gratuito dei docenti di sostegno specializzati

    informazioni, archivi

Incontro Regionale "L’autismo e gli interventi cognitivo comportamentali in rete: esperienze e prospettive sostenibili"

Si svolgerà a Ravenna il 3/12/2009 presso l’Istituto Tecnico per geometri “Morigia” l'incontro regionale dal titolo L’autismo e gli interventi cognitivo comportamentali in rete:esperienze e prospettive sostenibili. L'iniziativa promossa dall'ASL di Ravenna e dal Centro Autismo è aperta a operatori sanitari, dell'Univesità e della scuola.
Servizio Sanitario Regionale Emilia-Romagna
Azienda Unità Sanitatia Locale di Ravenna
Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche
Unità Operativa di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza
Centro Autismo

3 DICEMBRE 2009
Aula Magna dell’Istituto Tecnico per geometri “Morigia” via G. Marconi n. 6 Ravenna

Incontro regionale
L’autismo e gli interventi cognitivo comportamentali in rete: esperienze e prospettive sostenibili


Programma

Ore 9.30
Angelo Fioritti
• Il programma regionale PRIA: la specificità degli interventi per l’autismo in una strategia di sanità pubblica
Franco Nardocci
• Autismo e modalità operative di sistema
Raffaele Iosa
• Specificità e integrazione delle competenze per l’autismo nella scuola di tutti

Ore 10.30
Presiedono Elisabetta Frejaville e Franco Nardocci

• Paolo Moderato
Università IULM Milano, Istituto Europeo per lo Studio del Comportamento Umano IESCUM
• Anna Maria Dalla Vecchia
Comitato Scientifico Pria Regione Emilia Romagna
• Vera Stoppioni
Centro Regionale Autismo, Fano; Regione Marche
• Graziella Roda
Ufficio Scolastico Regionale, Regione Emilia Romagna
Ore 12.30 Interventi preordinati:
• Francesca Pergolizzi
Accademia di Scienze Comportamentali e Cognitive – ASCCO
• Renato Cerbo
Centro Regionale Autismo, Aquila

Dibattito

Ore 14 Chiusura dei lavori

Per informazione e adesioni:

www.autismo33.it

FADIS: Coniugare la ricerca della qualità e della professionalità con la cultura della solidarietà