logo FADIS, Federazione Associazioni dei Docenti per l'Integrazione Scolastica    
[iscriviti a FADISnet]
Il notiziario telematico gratuito dei docenti di sostegno specializzati

    informazioni, archivi

Sentenze Corte Costituzionale e norme applicative

Corte Costituzionale Sentenza n. 275 del 19/10/2016 Interventi per l’attuazione del diritto allo studio

Attraverso la sentenza n. 275 del 19/10/2016 la Corte Costituzionale ha dichiarato illegittima una norma finanziaria della regione Abruzzo che limitava il diritto al trasporto gratuito per gli studenti con disabilità.
Scritto da FADIS Redazione il 23/12/2016. Last update: Sat, 24 Dec 2016 18:14:55 +0100
 

Corte Costituzionale Sentenza n. 80 del 22/02/2010 posti docenti di sostegno e deroghe alunni con gravi disabilità

La Corte Costituzionale con la sentenza n. 80 del 22/02/2010 ha dichiarato illegittimi alcuni passaggi della Legge n. 244 del 24/12/2007 (finanziaria 2008)relativi alla determinazione dei posti dei docenti di sostegno. La sentenza esclude la possibilità di fissare un limite massimo al numero dei posti degli insegnanti di sostegno e consente di assumere insegnanti di sostegno in deroga per gli studenti con disabilità che si trovino in condizione di particolare gravità.
Scritto da FADIS Redazione il 07/03/2010. Last update: Wed, 28 Apr 2010 14:45:02 +0200
 

Corte Costituzionale: Sentenza n. 204 del 05/07/2004 compentenza del giudice ordinario nelle controversie tra cittadini e soggetti erogatori del servizio, pubblici o privati

Con la sentenza n. 204 della Corte Costituzionale è stata attribuita al giudice ordinario la compentenza nelle controversie tra cittadini e soggetti erogatori del servizio, pubblici o privati. Secondi i primi pareri degli esperti in materia, pur trattandosi di una sentenza molto complessa, essa potrebbe favorire l'esigibilità del diritto all'istruzione e all'educazione degli alunni disabili nelle classi comuni. Infatti è ai giudici ordinari che in questi ultimi annni si sono rivolti sempre più spesso con successo i genitori degli alunni in situazione di handicap che avevano subito la riduzione del numero delle ore dell'insegnamento di sostegno.
Scritto da FADIS Redazione il 23/08/2004. Last update: Tue, 20 Apr 2010 11:54:04 +0200
 

INPS Circolare n. 11 del 22/01/2003 Indenità di frequenza agli alunni in situazione di handicap iscritti negli asili nido

L'INPS ha emanato la circolare 11/2003 che applica la sentenza della Corte Costituzionale 467/2002. Segnaliamo ai genitori che l'indennità di frequenza spetta ai minori in situazione di handicap, fino a tre anni, che frequentano l’asilo nido. Per riceverla è necessario presentare domanda all'ufficio INPS della propria città. Alla domanda va allegato il certificato di frequenza dell’asilo nido.
Scritto da FADIS Redazione il 08/02/2003. Last update: Tue, 20 Apr 2010 11:52:51 +0200
 

Sentenza Corte Costituzionale n. 467 del 20/11/2002: riconosciuta l'indennità di frequenza per i bambini in situazione di handicap iscritti negli asili nido

L’importante sentenza della Corte costituzionale 467/2002 depositata lo scorso 22 novembre ha stabilito che i bambini in situazione di handicap iscritti negli asili hanno diritto a percepire l’indennità di frequenza. Tale pronuncia oltre a investire il riconoscimento di un diritto a contenuto economico riafferma il diritto all’educazione e all’integrazione dei minori così come previsto dalla legge quadro sull’handicap 104/92 nell’articolo 12 comma 1 che recita: “ al bambino da 0 a 3 anni handicappato è garantito l'inserimento negli asili nido”.
Scritto da FADIS Redazione il 15/12/2002. Last update: Tue, 20 Apr 2010 11:52:06 +0200
 

INPS Circolare n. 157 del 22/10/2002 Applicazione sentenza Corte Costituzionale n. 329/2002

Emanata dal'INPS la Circolare n. 157 del 22/10/2002 che applicando la sentenza della Corte Costinuzionale ha riconosciuto l’assegno da invalido civile agli invalidi parziali ultradiciottenni che frequentano la scuola.
Scritto da FADIS Redazione il 30/10/2002. Last update: Tue, 20 Apr 2010 11:50:42 +0200
 

Corte Costituzionale Sentenza n. 329 01/07/2002 diritto all'assegno per gli studenti maggiorenni invalidi parziali frequentanti un regolare corso di studi e non iscritti alle liste del collocamento

Con la sentenza n. 329 del 1 luglio 2002 la Corte Costinuzionale ha riconosciuto l’assegno da invalido civile agli invalidi parziali ultradiciottenni che frequentano la scuola e che non sono iscritti alle liste del collocamento obbligatorio.
Scritto da FADIS Redazione il 17/03/2006. Last update: Tue, 20 Apr 2010 11:49:15 +0200
 

Corte Costituzionale Sentenza n. 226 06/07/2001 Diritto alla frequenza della scuola dell'obbligo per otto anni per un alunno handicappato che abbia raggiunto il diciottesimo anno di età

La Corte costituzionale con la sentenza n. 226 del 6 luglio 2001 ha limitato la frequenza di un alunno in situazione di handicap nelle scuole comuni al compimento del diciottesimo anno. La sentenza trae origine dal ricorso di un genitore che ha visto rifiutare l’iscrizione del proprio figlio disabile alla classe seconda di una scuola media statale, per l’anno scolastico 1998/99, da un preside in quanto il medesimo aveva già compiuto il diciottesimo anno di età.
Scritto da FADIS Redazione il 28/02/2010. Last update: Tue, 20 Apr 2010 11:44:35 +0200
 

Corte Costituzionale Sentenza n. 52 del 15/02/2000 Riscatto Diploma Accademia Belle Arti, Diploma specializzazione polivalente DPR 970/75

Secondo quanto stabilito dalla Sentenza n. 52 del 15/02/2000 i diplomi di Accademia di Belle Arti e quelli di Specializzazione per l'insegnamento agli alunni in situazione di handicap sono riscattabili, ai fini della pensione, al pari degli studi universitari. (Sentenza trasmessa dal MPI - Ispettorato per le Pensioni Divisione I il 7/3/2000 a tutte le Direzioni Scolastiche Regionali, Provveditoratori e Sovrintendenze Scolastiche in data 07/03/2000 CM n. 54 prot. n. 214/N/2000).
Scritto da FADIS Redazione il 28/02/2010. Last update: Wed, 31 Mar 2010 13:56:32 +0200
 

MPI CM n. 262 22/09/1988 Attuazione della sentenza della Corte costituzionale n. 215 del 3 giugno 1987. Iscrizione e frequenza nella scuola secondaria di II grado degli alunni portatori di handicap

La Circolare Ministeriale n. 262 del 22/09/1988 attuò la sentenza della Corte costituzionale n. 215 del 3 giugno 1987 che dichiarò illegittimo il 3° comma dell'art. 28 della Legge n. 118 del 30 marzo 1971 nella parte in cui "in riferimento ai soggetti portatori di handicap prevede che "sarà facilitata" anziché disporre che "è assicurata" la frequenza delle scuole secondarie superiori. La Circolare fornì, in via sperimentale, alle scuole secondarie superiori indicazioni sulle modalità di iscrizione e frequenza degli alunni in situazione di handicap. Inoltre istituì l' osservatorio permanente per le problematiche inter-istituzionali ed inter-professionali relative all'integrazione di alunni con handicap in ogni ordine e grado di scuola. Le indicazione Sentenza della Corte Costituzionale e della Circolare applicativa saranno sucessivamente riprese nella legge quadro per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate n. 104 del 5 febbraio 1992.
Scritto da FADIS Redazione il 14/01/2006. Last update: Fri, 17 Mar 2006 15:04:15 +0100
 

Sentenza della Corte Costituzionale n. 215 del 3 giugno 1987,

Pubblichiamo la storica sentenza che oltre quindici anni fa ha assicurato la frequenza delle scuole secondarie superiori agli alunni in situazione di handicap, indipendente dalla tipologia e dalla gravità del deficit, perché tale frequenza è “un essenziale fattore di recupero e di superamento dell'emarginazione”. Una puntuale analisi pedagogica della normativa derivata dalla citata sentenza è contenuta nel volume curato da Marisa Pavone e Mario Tortello dal titolo “Handicap e Scuola Media Superiore” edito dalla casa editrice torinese UTET di cui riportiamo un breve passaggio: “Se partiamo dal presupposto che non è possibile identificare la persona handicappata con la figura di assistito a vita, ci rendiamo conto di quanto sia sempre più necessario sviluppare appieno il ruolo educativo della scuola, così determinante nel processo di formazione e integrazione . Ma, se è fondamentale puntare ad una continua e precisa educazione all’autonomia, è altrettanto importante prestare particolare attenzione agli aspetti che riguardano l’istruzione dopo la scuola dell’obbligo, la formazione professionale e l’inserimento del mondo del lavoro”
Scritto da FADIS Redazione il 12/06/2003. Last update: Fri, 17 Mar 2006 15:01:44 +0100
 
FADIS: Coniugare la ricerca della qualità e della professionalità con la cultura della solidarietà